Sunshine DD Cream, la crema colorata di Kiko per l’estate

Sunshine DD Cream di Kiko, crema colorata estiva, effetto seconda pelle

 

In estate, già con i primi raggi di sole e poi con l’abbronzatura delle vacanze, è inevitabile sentire l’esigenza di abbandonare il fondotinta coprente dell’inverno, per utilizzare qualcosa di trasparente, leggero, ma comunque uniformante e, non ultimo, con una buona protezione solare.

 

Sunshine DD cream di Kiko

 

Oggi voglio dedicarmi ad una piccola recensione su di un prodottino davvero interessante di Kiko, la Sunshine DD Cream SPF 30… una crema colorata, perfetta per il periodo estivo, con un ottimo spf, in grado di uniformare e illuminare il colorito, con un effetto seconda pelle.

In estate, già con i primi raggi di sole e poi con l’abbronzatura delle vacanze, è inevitabile sentire l’esigenza di abbandonare il fondotinta coprente dell’inverno, scegliendo invece un makeup trasparente, leggero, utilizzando un prodotto uniformante e, molto importante, con una buona protezione solare.
Non è facile però trovare una BB cream che idrati ma non lucidi, e che abbia una buona scelta di tinte in modo da trovare quella giusta per te.

Quest’anno, Kiko ne ha però lanciata una davvero speciale… molto buona, in edizione però limitata, la Sunshine DD Cream!
Io inizialmente l’ho acquistata nella colorazione 02 Light perché non avevo ancora preso molto colore… Adesso che sto facendo qualche lampada per togliermi di dosso il pallore invernale, ho acquistato la colorazione 04 Dark (le intermedie erano già terminate!) che sicuramente è troppo scura per me se usata da sola, ma io la mescolo con la 02 ed il risultato è perfetto!

La Sunshine DD cream di Kiko si stende facilmente con le dita; anche se la coprenza è facilmente modulabile, personalmente preferisco non eccedere per non rischiare di creare troppo spessore, di vedermi lucidare il viso dopo poche ore e di snaturare l’effetto naturalezza che si ricerca in questa tipologia di prodotti.

Prima della crema applico comunque il mio siero Smart Custom Repair Serum di Clinique, prendo quindi una piccola quantità di Sunshine DD Cream e la stendo con le dita, aggiungendo poco prodotto alla volta, se serve, e tamponando poi con una spugnetta; applico un po’ di correttore, un velo di cipria sulla zona T e un tocco di terra e di fard per aggiungere luminosità e scolpire i lineamenti .

Ovviamente non aspettatevi grande coprenza da questa DD cream di Kiko, che è comunque più coprente della BB cream di Lierac di cui vi parlerò in una prossima review, ma rimane sempre un prodotto che uniforma in trasparenza. In estate però, con il viso che si colora, con il caldo ed il sudore, io preferisco utilizzare qualcosa che privilegi naturalezza e leggerezza.

La texture della Sunshine DD cream di Kiko è fresca e molto confortevole, con un discreto effetto opacizzante e con un SPF 30 che è un indice di protezione di tutto rispetto.
Inoltre noto che ha un impatto positivo sui pori, che risultano più chiusi; perfetta dunque per chi, come me, ha una pelle mista con una zona centrale che tende a lucidarsi e le zone laterali del viso decisamente secche.

Naturalmente non aspettatevi una pelle perfettamente asciutta tutto il giorno, perchè con il caldo è inevitabile, così come è inevitabile, a metà giornata, tamponare il viso con una velina… Trovo però che la Sunshine DD Cream di Kiko sia un’ottima soluzione e un buon compromesso per un make-up estivo uniformante e naturale.

Al suo interno, due componenti protettivi e nutrienti: la vitamina C e l’estratto di quella che viene chiamata “pianta della Resurrezione” (myrothamnus flabellifolia), una pianta che riesce a sopravvivere in ambienti aridi perché la propria caratteristica è quella di trattenere l’acqua nei tessuti per poi rilasciarla quando le condizioni di umidità migliorano.

La Sunshine DD cream si presenta in un pratico ed elegante tubetto, il cui beccuccio consente di dosarla con grande semplicità.
Anche il prezzo è ottimo, 12.90€… dunque un rapporto qualità prezzo eccellente!

La nota dolente è che la Sunshine DD cream di Kiko è in edizione limitata e che adesso che siamo solo all’inizio della bella stagione, già non si trovano più le 4 colorazioni.
Insomma, un ottimo prodotto che rischia di sparire dal mercato proprio quando ne è più necessario l’utilizzo!
Per il resto: promossa a pieni voti!

4 pensieri su “Sunshine DD Cream, la crema colorata di Kiko per l’estate”

  1. Salve Chiara, mi piacciono i suoi articoli perché ogni argomento sembra scritto per me che a 58 anni spesso mi sento inadeguata ma con le sue dritte sto imparando. Volevo chiederle, ho i capelli medi lunghi tinti biondi e sto pensando di tingerli bianchi che ne pensa? Grazie per la risposta

    1. Chiara Foianesi

      Carissima Melina, sono felice che le mie “piccole chiacchiere” possano in qualche modo essere d’aiuto alle amiche che, come me, stanno vivendo questo momento di passaggio che, diciamocelo, non è di certo facile. Quanto al sentirsi inadeguate, noi donne siamo purtroppo brave da sempre, fin da quando, adolescenti, ci vediamo come il brutto anatroccolo di turno. E crescendo, spesso non migliora… 🙂 Dobbiamo lavorare sulla fiducia in noi stesse, perchè abbiamo ancora un’infinità di cose da dare e da ricevere. E da vivere. 🙂 Ma veniamo al punto. “Capelli bianchi si, capelli bianchi no. Lascio i miei capelli al loro grigio o bianco naturale, oppure continuo a tingerli?” Credo che una domanda così, prima o poi se la faccia ogni donna. La risposta è: “Dipende”. Sono scelte assolutamente personali… Dipende da come ci si sente ad affrontare un simile cambiamento. Sicuramente, accettare la propria chioma bianca è segno di grande personalità e forza e non significa affatto rassegnarsi a invecchiare e, quindi, trascurarsi. Significa accogliere una nuova immagine di sè, amarla, valorizzarla e farla diventare il proprio tratto distintivo. È l’occasione per rimettersi in gioco.. Praticamente un nuovo inizio. Ma non si deve pensare che il capello bianco necessiti di meno cure di quello tinto. Anzi, il contrario! Prima di tutto, affidati al tuo parrucchiere il quale magari potrà consigliarti un passaggio di colore non drastico e per un taglio magari sfilato, spettinato-chic. Il capello bianco necessita di una pettinatura grintosa e di molte cure perchè tende a spegnersi ed ingiallire. Quindi, non pensare che, passando al bianco, potrai evitarti il parrucchiere, perchè se vuoi che il capello sia lucido, vigoroso e non spento e triste, lo devi coccolare con le giuste cure. Non ultimo sappi che, con il capello bianco, anche l’abbigliamento e il makeup non possono essere tralasciati. Quindi trucco naturale, ma impeccabile… rossetti sgargianti e un abbigliamento sempre ricercato. Il capello bianco è impegnativo più di quello colorato, anche se sotto aspetti diversi: non ci si può permettere un viso acqua e sapone e un abbigliamento senza un minimo di personalità e se lasciamo i capelli al naturale, niente dev’essere lasciato al caso. Vietato non curare ogni giorno il proprio aspetto. I capelli bianchi saranno glamour, grintosi e affascinanti se sapremo costruirci intorno tanta cura del look, grazia, personalità e un bel pizzico di civetteria. E tanta, tanta fiducia in noi stesse! Te la senti? 🙂 In bocca al lupo e… fammi sapere!! 🙂 Un abbraccio

        1. Chiara Foianesi

          Melina, a volte lo specchio non ci rimanda la nostra vera immagine, ma quella deformata dalle nostre paure. Succede a te, succede a me, succede un pò a tutte. Abbi fiducia in te… tieni la testa alta… concediti dei piccoli regali.. dei momenti di benessere. Fanno tanto bene al cuore e in fondo, a volte basta davvero così poco. E se il cuore sta bene, diventiamo subito più belle! Abbi fiducia in te! Ti abbraccio e aspetto tue notizie positive… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.