Rouge Dior, Il Rossetto

Rouge Dior, il Rossetto che veste il sorriso delle donne

Rouge Dior

Quando si parla di Signor Rossetto, non si può non parlare di Rouge Dior
Se ne possono indossare tanti, di brand e di target diversi, ma il Rouge Dior rimane uno dei migliori rossetti esistenti sul mercato… come morbidezza, come colori, come brillantezza e anche come durata.

“Per un colore perfetto, prima di tutto, bisogna avere labbra perfette…” cit. Dior
Il fine del Rouge Dior è quello di trattare, levigare e rimodellare la linea delle labbra per ottenere il massimo della brillantezza da ogni nuance. Il suo segreto? L’estratto di Criste marine
La Criste marine è una pianta estremamente resistente, in grado di crescere sulle rocce e sugli scogli, ed è proprio il continuo contatto con l’acqua del mare a conferirle una straordinaria concentrazione di minerali: calcio, magnesio, manganese, potassio e sodio.
La Criste Marine stimola il rinnovamento cellulare e le sfere di acido ialuronico che rimpolpano e idratano all’istante le labbra.
Per questo, una volta indossato il Rouge Dior, le labbra cambiano quasi aspetto… come più carnose e idratate a lungo, a differenza di altri rossetti magari a lunga tenuta che tendono a disidratarle.
E il colore e la brillantezza non vi abbandonano!
La texture del Rouge Dior rende la stesura piacevole e il comfort davvero ottimo, le labbra sono levigate e idratate… e la durata ottima.
Le tinte del Rouge Dior sono 32, 32 sfumature luminose… luminose pur non essendo lucide…
Senza contare poi la bellezza dell’astuccio, il classico blu e argento che ne fa davvero un oggetto delizioso.

Del Rouge Dior avevo già il famoso 999, un rosso carico e voluttuoso… bello, ma impegnativo e sicuramente meno adatto per la primavera estate, o comunque da riservare magari ad uscite serali, a cui dedicare un makeup importante.

Il Rouge Dior che ho acquistato è lo 028 Mazette, un bel corallo chiaro, brillantissimo ed estremamente versatile, proprio il colore che risponde alla voglia di freschezza primaverile, richiamando al tempo stesso le atmosfere calde dei pomeriggi estivi o delle belle serate sul lungomare.

Se usato con una matita naturale o tono-su-tono, conserva il suo tono chiaro e delicato, portabilissimo anche al mattino.
Se invece si desidera dargli un aspetto un pochino più intenso ed acceso, si può applicare una matita di una nuance lievemente più scura, come la 019 Dessin des levres di YSL… e il corallo diventa subito più intenso, da sfruttare anche di sera, su di un makeup più ricercato.

Due parole vorrei spenderle infine proprio per questa matita di YSL, morbida e dal colore brillante, facilmente sfumabile, che aiuta a ridisegnare le labbra, mantenere più a lungo il rossetto senza provocare odiose sbavature.
Il contorno delle labbra, con l’età tende a farsi meno preciso, ed una buona matita, né troppo dura, né troppo morbida, è essenziale per andare a ricreare il “disegno perduto”… 🙂

Matita labbra YSL

In ultima analisi una riflessione…
Evitiamo rossetti che promettono la lunga durata; tendono tutti a perdere di brillantezza, ma soprattutto a disidratare le labbra mettendo in evidenza linee che dovrebbero, al contrario, essere mimetizzate.

Ci sono rossetti, come ad esempio il Rouge Dior, che durano comunque a lungo e rendono le labbra levigate; costano un po’ di più (forse…), ma sono un investimento per il nostro sorriso! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.