Pelle matura e menopausa: cosa fare per preservarne la bellezza

Come avere cura della pelle matura ed essere belle anche in menopausa

Con la menopausa la pelle matura cambia, ma questo non significa che non possa essere ugualmente bella. Bastano piccole accortezze per affrontare senza paura questo delicato periodo e le sue ripercussioni sulla nostra pelle

 

pelle matura e menopausa


Non tutte le donne invecchiano allo stesso modo; l’invecchiamento della pelle dipende da fattori crono-biologici, dal nostro stile di vita e dalla cura che ciascuna di noi ne ha avuto da sempre.
Perché la pelle ha buona memoria…

La menopausa, purtroppo, può scatenare tutta una serie di inestetismi vari, che vanno dalla cheratosi (ovvero un inspessimento della pelle), da macchie, angiomi e problematiche dei capillari.
Dunque ciascun problema va affrontato singolarmente.

Il cambiamento della pelle dopo la menopausa
Sono vari i cambiamenti che ogni donna deve affrontare con la menopausa, e sappiamo bene quanto possano essere pesanti dal punto di vista fisico, ma anche psicologico.
E i problemi riguardano anche la pelle perché, esaurita la funzionalità ovarica, iniziano le modificazioni a livello cutaneo: la pelle si rilassa e diventa più secca, perdendo la sua compattezza e luminosità ed il tono e l’elasticità ne risentono in modo importante.

Non tutte le donne però reagiscono allo stesso modo all’invecchiamento causato dalla carenza di estrogeni
Per alcune ci sarà una maggiore capacità reattiva rispetto ai fattori ambientali, reattività che andrà a peggiorare situazioni già esistenti, per cui ci potrà essere un peggioramento della couperose o della sensibilità e fragilità cutanea.
Le donne dalla pelle chiara soffriranno più di altre di macchie e discromie, in altre ancora si potrà verificare una perdita dell’ovale del viso dovuta al rilassamento cutaneo e si potranno accentuare le borse sotto agli occhi.
Inoltre, con la menopausa si riduce anche la quantità di sebo prodotta sulla superficie cutanea, quindi si può verificare che una donna, che ha dovuto da sempre da combattere con una pelle mista, a causa di un assottigliamento epidermico, si ritrovi a dover combattere non più con la lucidità della Zona T, bensì con secchezza, screpolature, capillari.
La secchezza e la disidratazione che con la menopausa si fanno più importanti, comportano anche un peggioramento della capacità reattiva rispetto ai cambiamenti climatici, per cui siamo più suscettibili agli sbalzi di temperatura e soffriamo di arrossamenti che possono essere occasionali o persistenti.
Di contro, anche se le problematiche acneiche tendono con la menopausa a diminuire, il cambiamento ormonale può in alcuni casi, favorire gli androgeni, che andranno a colpire proprio la ghiandola sebacea e comportare l’insorgere di acne tardiva.

Dunque la nostra pelle cambia e comunque la si pensi, accettare certi cambiamenti non è mai così semplice; psicologicamente è sempre un impatto che non si accetta con facilità.
Ma non per questo si deve pensare che una pelle matura non possa essere ancora bella e che il nostro fascino sia perduto; basterà prendersi cura della nostra pelle magari cambiando delle piccole abitudini o avendo maggiori accortezze.

Come deve cambiare la cura della pelle in menopausa
La detersione, ad esempio, dovrà necessariamente cambiare per adattarsi alle nuove esigenze della nostra pelle che, in menopausa, avrà bisogno di maggiore delicatezza.
Da evitare quindi saranno i detergenti troppo aggressivi, come quelli a base di tensioattivi, oppure (peggio ancora) i saponi alcalini, i quali potrebbero causare una perdita di lipidi da parte della barriera cutanea che a questo modo diventerà più reattiva e provocare una maggiore secchezza e aridità.
Evitiamo quindi maschere disseccanti, tutti i tonici alcolici e i prodotti eccessivamente schiumogeni, ma dedichiamo alla nostra pelle coccole gentili e delicate, utilizzando “detergenti per affinità”, ovvero latti detergenti e oli che, non contenendo tensioattivi, svolgono una funzione di delicata detersione e che, le pelli più secche, possono utilizzare anche senza risciacquo.

Le creme per il giorno e la notte
Come per la detersione, anche la nostra crema da giorno e da notte deve cambiare, proprio per venire incontro alle nuove esigenze che l’invecchiamento dovuto alla menopausa ci impone.
Tra questi, spiccano sicuramente gli acidi grassi componenti fondamentali delle membrane cellulari che, per azione dell’invecchiamento, tendono con il tempo a diminuire.
Non dovremo quindi utilizzare dei prodotti qualunque, ma prodotti antietà specifici che possano proteggere la barriera cutanea, correggere (ove presenti) le problematiche di disidratazione e contenere principi attivi che possano intervenire su più fronti: rughe, macchie, capillari e rilassamento.
Tra gli ingredienti più efficaci per la protezione della pelle e per ridare turgore alla pelle, ci sono sicuramente gli oli vegetali. A queste formulazioni idratanti, potremmo abbinare formulazioni contenenti vitamina C e bioflavonoidi per la protezione dei capillari oppure formulazioni che abbiano un potere ridensificante ed anti-rilassamento, come ad esempio gli isoflavoni di soia od altri fitoestratti.

La menopausa dunque mette in moto un processo di invecchiamento cutaneo importante e, proprio per questo può essere causa di sofferenza e criticità, ma non per questo una donna dovrà rinunciare ad essere bella.
E’ quindi necessario prendersi cura della propria pelle con cure adeguate, un sano stile di vita, movimento fisico ed un’irrinunciabile fotoprotezione perché non dobbiamo mai dimenticare che l’invecchiamento causato da un’esposizione solare scorretta, si somma inesorabilmente all’invecchiamento cronologico e ormonale.

Un’ultima cosa: attenzione al fumo!
E’ stato infatti ampiamente dimostrato come il fumo, oltre a comportare dei seri rischi per l’organismo, possa essere un fattore aggravante dell’invecchiamento della pelle tanto da provocare, pare, un anticipo della menopausa.
Da evitare quindi il fumo, non solo per validi motivi legati alla salute ma, se questo non bastasse, anche per preservare la bellezza della nostra pelle, specialmente in un momento così particolare e delicato della nostra vita.

Detto questo, via i brutti pensieri e concediamoci la libertà di qualche sana civetteria: entriamo in profumeria e continuiamo a giocare con il make-up, acquistiamo quell’abitino che abbiamo visto proprio l’altro giorno in vetrina, circondiamoci di colori, di sorrisi e di positività.
Abbiamo tanta bellezza da regalare e regalarci ancora… 🙂

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.