Ossitocina, ormone dell'amore

L’Ossitocina, ormone dell’amore, favorirebbe le relazioni sociali

L’ossitocina, potrebbe agire sull’origine dei disturbi dei comportamenti sociali

Secondo un nuovo studio, sembra che l’ossitocina stimoli i rapporti sociali, e questa sarebbe davvero una grande scoperta da applicare nella cura dei disturbi dei comportamenti sociali

 

Ossitocina, ormone dell'amore

 

L’ossitocina, detta anche “Ormone dell’amore”, è sintetizzata naturalmente dall’organismo a livello dell’ipotalamo, prima di essere liberata quando è necessario.
L’ossitocina provoca le contrazioni dell’utero durante il parto, ma è anche noto il suo contributo nell’attaccamento tra madre e figlio.
Adesso, secondo un nuovo studio pubblicato nella rivista Science, il suo ruolo sembrerebbe non fermarsi a questo, ma pare che l’ossitocina stimoli anche i rapporti sociali, e questa sarebbe davvero una grande scoperta da applicare nella cura dei comportamenti sociali.

Lo Studio sull’origine dei disturbi sociali del comportamento
I ricercatori della Stanford University School of Medicine, hanno condotto un esperimento su dei topi maschi per poter dimostrare l’effetto che l’ossitocina ha sulle relazioni umane; per bloccare il rilascio naturale di questo ormone, hanno utilizzato un virus, per gestirlo quindi artificialmente.
E’ stato poi constatato che, quando i neuroni che producono ossitocina erano stimolati, i topi cercavano contatto fra di loro mentre, quando la produzione di questo ormone era inibita, si evitavano.
Questa ricerca potrebbe essere utile per le persone che presentano disturbi del comportamento sociale. Secondo il dott. Robert Malenka, coautore dello studio, i risultati di questa ricerca suggeriscono che una modulazione anomala di circuiti di ricompensa del cervello con ossitocina, contribuisce a disturbi del comportamento sociale, disturbi che influiscono in modo profondo sulla qualità della vita di questi individui; proprio per questo, dunque, è di estrema importanza capire le anomalie della funzione cerebrale che lo causano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.