Novità in casa Urban Decay: ecco la palette Born To Run

Bellissima novità in casa Urban Decay… nuova palette Born To Run… review

 

Eccomi qua a recensire la nuova palette di Urban Decay, la Born To Run… presa ormai da qualche giorno e che, in pochissimo tempo, mi ha davvero rubato il cuore.

Questo per me è un periodo un po’ difficile… e personalmente avevo proprio voglia di coccolarmi, avevo voglia di vedermi diversa e di regalarmi qualche piccolo cambiamento ed un po’ di colore.
Vista la pubblicità della Born To Run, la nuova palette di Urban Decay, non ho avuto un attimo di esitazione e, nonostante i temporali di questi giorni, mi sono precipitata fuori per andare da Sephora ad osservare dal “vivo” questa novità…

Quello che solleticava la mia curiosità, era la varietà di colori inclusa nella palette… che sembravano proprio venire incontro alla mia voglia di cambiamento, ad iniziare dal makeup.
Ho prevalentemente sempre utilizzato colori molto basici, e difficilmente mi sono lanciata in look un pochino più audaci… ma, come sa bene chi si ritrova ad un certo punto a dover fare i conti con certe difficoltà della vita, specialmente in un’età non più giovanissima… la voglia di sentirsi diverse, di sentirsi ancora belle, di guardarsi allo specchio e di piacersi ancora, in certi momenti è essenziale.

Quindi ho deciso, nonostante questa palette avesse colori che non avevo mai sperimentato, di andare a vederla da vicino; perché, ad un certo punto, è bene anche provare a cambiare, provare a sentirsi diverse.

Ma veniamo a noi… e alla mia recensione della palette Born To Run
Io non sono una makeup artist, ma sono una semplice utilizzatrice; mi piace truccarmi, e le mie esigenze, in fatto di ombretti, sono esattamente come quelle di tante di voi: i colori devono essere scriventi, facili da utilizzare e da applicare.
Devo dire che, appena ho visto questa palette, e la sua variopinta tavolozza di colori, ne sono rimasta decisamente colpita… ed ho pensato che doveva essere mia!
Ho altre 2 palette della Urban Decay (la Naked 2 e 3 per la precisione) ma non sono tra le palette che preferisco e che utilizzo normalmente. Non voglio attirarmi gli strali delle Urban Decay addicted, ma sinceramente non ne sono proprio così entusiasta… né come scelta cromatica (che inizialmente attrae ma poi, nell’utilizzo pratico vedi che non è magari così versatile…), né dalla qualità degli ombretti, che un pochino mi ha delusa…
Ma la palette Born To Run… è davvero tutta un’altra cosa!

 

In questa palette troviamo 21 nuances di colori davvero bellissimi
E poi il nome: Born To Run… lo so, lo so che il nome non dovrebbe influire (ed infatti è stato giusto la ciliegina sulla torta…), ma noi donne siamo così, romantiche, ed in questo momento l’ho preso come un segnale ben augurale per il mio futuro e per la mia vita.
Born To Run, ovvero Nata per correre, nata per camminare, nata per scoprire nuovi orizzonti… dunque una palette da portare con sé in giro per il mondo… una palette completa, che contiene una varietà di colori per tutti i gusti, per tutti i makeup, e per tutti gli outfit. Quindi si può partire portandosi dietro solo lei, come compagna di viaggio e che potremo utilizzare per decine e decine di combinazioni makeup.
Un nome, Born To Run, che ho sentito (od ho voluto sentire) di buon auspicio per una rinascita, per futuri viaggi, per una nuova vita.

Il packaging è molto elegante e sobrio… sul retro della confezione sono riportate tutte le colorazioni presenti nella palette, con i loro nomi.
La palette è in plastica rigida, non cartonata, quindi molto resistente… con foto che riportano a viaggi infiniti nei luoghi meravigliosi del mondo. Davvero bellissima!

All’interno troviamo un grande specchio, ed una nuance di colori che fa brillare gli occhi, tanto sono spettacolari.
Quasi tutti i colori sono shimmer, tranne sette ombretti mat… scriventissimi e cremosi; specialmente i mat possono essere leggermente polverosi nel prelevarli con il pennello, ma non nell’applicazione, e comunque niente di che, ed infatti il fallout di tutti i 21 ombretti è quasi inesistente… Utilizzabili anche da chi non è esperta, data la loro scrivenza, modulabilità e sfumabilità.

Nella prima fila, troviamo colori chiari da poter utilizzare tranquillamente tutti i giorni, ma niente vieta di utilizzare nel quotidiano anche un tocco di quelli più vivaci, perché la loro applicazione (sia con il pennello che con le dita…) e sfumabilità sono eccezionali.
Born To Run è una palette dove possiamo trovare colori adatti sia ad un trucco da giorno, che ad un make-up più intenso e drammatico da sera; una scelta cromatica davvero bellissima, che permette anche a chi di solito ha un pochino paura ad “osare”, di sperimentare abbinamenti insoliti con risultati davvero bellissimi.
I colori sono inoltre resistenti, non ingrigiscono, nel corso delle ore rimangono vellutati e durano tantissimo.

 

Il costo della Born To Run è di 51€… io, però, l’ho acquistata approfittando di uno sconto del 10% da Sephora… e devo dire che li vale tutti.
Non ho comprato questa palette sull’onda della moda… non sono una collezionista di palette e devo dire che, specialmente nell’ultimo anno e mezzo, ho resistito a tutte le nuove uscite, a parte la palette Back to stage di Dior presa poco prima di partire per le vacanze, perché mi serviva qualcosa di dimensioni ridotte da portare in viaggio.
Non ho acquistato nuove palette, non solo per una questione puramente economica (le palette costano e non poco…), ma anche perché sinceramente non ne ho mai vista una che mi colpisse tanto da indurmi ad aprire il borsellino: scelte cromatiche non nelle mie corde, colori non proprio affini alla mia carnagione, texture a volte decisamente troppo shimmer, oppure assolutamente mat.
Insomma, non era mai scattata la scintilla… e non me la sono mai sentita di spendere per una palette che non ero così sicura di utilizzare, preferendo spendere i miei soldi per l’acquisto di prodotti di cura della pelle.
Insomma, Born To Run, è una palette che vi consiglio quanto meno di andare a vedere… Più passano i giorni, e più ne sono entusiasta: bella scrivenza, colori modulabili ed utilizzabili per ogni occasione, colori che durano e rimango brillanti nel corso delle ore, facili da applicare, da sfumare… e facili anche da correggere se sbagliamo qualcosa nell’applicazione.
Che dire… Born To Run: una palette praticamente perfetta! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.