Lotta al rilassamento cutaneo

Rilassamento cutaneo

Qualche consiglio contro il rilassamento di viso e corpo

Una pelle più soda e compatta? E’ possibile! Consigli e suggerimenti contro il rilassamento cutaneo

 

Rilassamento cutaneo

 

Quello del rilassamento cutaneo, è un problema che ci affligge e ci spaventa quasi più delle rughe perché, specialmente il rilassamento del viso, cambia i nostri lineamenti e deforma l’immagine che abbiamo di noi.

Con il passare degli anni, l’equilibrio della barriera cutanea si indebolisce, le cellule si rinnovano più lentamente, il derma perde il suo collagene e la sua elasticità, l’epidermide diventa secca o disidratata.
Questo fenomeno porta all’espansione dei tessuti dermici e la migrazione del grasso verso il basso.
In altre parole, haimé, la pelle del viso e del corpo si affloscia.
Oltre a questi fattori intrinsechi dovuti al passare del tempo, ci sono poi dei fattori esterni che contribuiscono ad accelerare il processo di invecchiamento precoce.
Questi fattori sono: radiazioni UV, inquinamento, fumo, stress, cattiva alimentazione, mancanza di sonno o di esercizio fisico.
Oltre ad utilizzare una beauty routine con prodotti di cura specificatamente studiati per aiutarci a rimodellare l’ovale del nostro viso, modellare la nostra silhouette e cancellare la cellulite, possiamo minimizzare gli effetti del rilassamento cutaneo optando per delle sane abitudini.
A questo proposito, è sempre importante ripetere che un buon stile di vita è indispensabile per invecchiare in bellezza.
E allora, prima di tutto, dobbiamo fare molta attenzione alla nostra alimentazione: privilegiamo frutta e legumi ricchi di vitamine e di antiossidanti, ed evitiamo gli eccessi di zucchero, che sono all’origine della “glicazione” (un particolare meccanismo che danneggia le fibre del derma).
Altro aspetto fondamentale, è un’attività fisica regolare: facciamo lavorare i muscoli del corpo (a questo proposto, sono consigliati esercizi mirati come gli squat e affondi, che aiutano a tonificare la silhouette) e del viso (raccomandati i movimenti di ginnastica facciale che liftano i tratti), per contribuire a sostenere la pelle e rallentare il suo cedimento.

Obiettivo n.1: Rimodellare il viso
In gergo estetico, esiste un fenomeno chiamato “invecchiamento morfologico” che si riflette in 3 modi:
1) Il contorno del viso perde la sua forma, perché la pelle si affloscia
2) Le guance diventano scavate perché, con l’età, cambia la ripartizione dei grassi nel corpo.
3) Compaiono le rughe, conseguenza della perdita di idratazione e di fermezza, e che contribuiscono a darci un’aria affaticata e fanno apparire la parte inferiore del nostro viso più pesante.

Gli ingredienti chiave: Il retinolo (che stimola la produzione di collagene), il resveratrolo (che protegge dalla glicazione), gli aminoacidi (che rafforzano i tessuti connettivi della pelle) ed i peptidi (che consolidano e proteggono l’elastina, responsabile dell’elasticità della pelle), sono tutti ingredienti da ricercare quando scegliamo una crema per il viso.

La routine da adottare: Per combattere la pelle del viso cascante è consigliabile un beauty routine completa che comprenda prodotti ridensificanti.
Come primo step, applichiamo un siero concentrato in attivi, attendiamo qualche secondo prima di stendere la nostra crema da giorno (un fluido per le pelli normali o miste e una crema più ricca nel caso di pelli secche), o la nostra crema da notte.
E’ utile sottolineare però, che i risultati non sono ovviamente immediati, ma bisogna aspettare pazientemente da tre a sei mesi, per ottenere dei risultati ottimali.
Una piccola astuzia: mattina e sera, applichiamo sia il siero che la crema, con massaggi ascendenti, dal basso verso l’alto.

La soluzione cosmetica: Dopo aver uniformato la texture e il colore della pelle, con l’aiuto di un fondotinta o una BB cream, applichiamo un po’ di terra mat leggermente più scura della nostra carnagione, sull’osso della nascella e sotto gli zigomi, là dove un’ombra naturale definisce queste parti del viso.
Illuminiamo poi i punti più sporgenti del viso (la parte alta degli zigomi, il centro della fronte, la punta del naso ed il mento), con l’aiuto di un illuminante.
terminiamo quindi il nostro makeup con un tocco di blush rosa per migliorare il colorito e regalargli luminosità.

 

Obiettivo 2: Rimodellare la silhouette
Così come succede per l’ovale del viso, che con l’età si rilassa, i tessuti del corpo si afflosciano a causa delle fibre di collagene e di elastina che si rinnovano meno velocemente, e dell’epidermide che si assottiglia e perde in densità.

Gli ingredienti chiave: Per trattare la perdita di fermezza, è consigliabile utilizzare creme a base di acido jaluronico, che immediatamente reidrata e rimpolpa la pelle, e di vitamine A ed E, che combattono contro i radicali liberi, uno dei principali fattori del rilassamento epidermico.

La routine da adottare: Il primo gesto per lottare contro la perdita di tonicità, è quello di scegliere un gel doccia che non disidrati la pelle; il secondo è quello di esfoliare il corpo una o due volte alla settimana ed applicare, mattina e sera, un prodotto nutriente arricchito di ingredienti rassodanti.
E’ importante sapere che i prodotti snellenti hanno molti vantaggi, tra cui quello di nutrire la pelle in profondità e proteggerla dalle aggressioni esterne, di attivare la microcircolazione, rendere più liscia la cellulite, ridurre i rossori, le rugosità, stimolare il processo di stoccaggio dei grassi e prevenire il rilassamento dei tessuti cutanei.
Come per le creme viso, vanno massaggiati sulla pelle con movimenti circolari, dal basso verso l’alto.

La soluzione cosmetica: Una pelle ben idratata e colorata in modo uniforme, appare più liscia e soda. Utili sono, a questo proposito, gli oli colorati per il corpo che nutrono la pelle ed in più regalano un effetto satinato.
Un’altra buona soluzione, per camuffare le imperfezioni cutanee è quella di applicare un autoabbronzante, ormai ce ne sono tantissimi in commercio che danno dei risultati assolutamente naturali.

 

Obiettivo 3: La Cellulite
Esiste un modo per attenuare gli effetti antiestetici della cellulite, che siano ereditari, provocati dall’età o dalla gravidanza? Si, ma non per magia…
Esistono due tipi di cellulite: quella superficiale, o pelle d’arancia, visibile unicamente quando la pelle viene “pizzicata”, e quella profonda, sempre visibile.

Quali prodotti preferire? Le creme anticellulite, di solito composte da vari ingredienti (caffè, thé verde, alghe, guaranà, edera, retinolo, acido jaluronico, ecc.), promettono di sciogliere le adiposità, oltre ad eliminare le tossine e riattivare la circolazione sanguigna.

Quali metodi utilizzare? Queste creme, oli e gel anticellulite, non possono fare grandi cose se non sono applicati adeguatamente.
Due volte al giorno, applichiamo sulle zone colpite dalla cellulite, il prodotto scelto, riscaldandolo prima fra le mani, ed effettuando delle piccole rotazioni in senso orario.
Su fianchi, cosce e glutei, è consigliabile applicare il prodotto con le mani a pugno, o utilizzando dei rulli da massaggio, in modo da aumentarne il potere.
In ogni caso, questa routine giornaliera, deve essere ripetuta per almeno due mesi, per poter ottenere dei risultati.

E quindi, amiche mie, concludendo (come diceva una pubblicità di tanti anni fa…), sicuramente non possiamo fermare questo processo di “gravità”, ma sicuramente possiamo rallentarlo e migliorare il nostro modo di invecchiare.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>