Insonnia: Consigli per non svegliarsi all'alba

Insonnia: consigli pratici per non svegliarci ogni giorno all’alba

Insonnia: qualche piccola strategia quando il sonno s’interrompe all’alba

La sera andiamo a letto e ci addormentiamo proprio un bambino, ma ecco che all’alba ci ritroviamo con gli occhi spalancati. Al mattino, abbiamo la sensazione di non aver chiuso occhio durante tutta la notte. Vediamo qualche consiglio per trovare finalmente le nostre giuste ore di sonno

Insonnia: Consigli per non svegliarsi all'alba

La sera siamo stanchissime, ce ne andiamo a letto e, spossate, c’addormentiamo profondamente. Poi, verso le cinque del mattino, ma spesso (molto spesso…) anche prima, improvvisamente ci svegliamo ed è letteralmente impossibile riaddormentarci.

Guardiamo a più riprese la sveglia, ma il sonno, haimé, se n’è irrimediabilmente andato.
Abbiamo forse raggiunto le nostre giuste ore di sonno?
Forse soffriamo di “anticipata fase del sonno”: ci siamo coricate molto presto, svegliate molto presto dopo 6 o 7 ore di un sonno normale.

In questo caso, il nostro orologio è spostato, ma non si tratta d’insonnia.
Altra grande causa di sveglia precoce sono i pensieri neri, rafforzati dall’oscurità, oppure l’apprensione per il giorno che si annuncia.

Insonnia: Teniamo un diario del sonno
Per conoscere meglio le nostre fasi di sonno, cerchiamo di tenere un diario con appuntato un ordine del giorno della nostra insonnia.

Teniamolo aggiornato per due settimane nelle quali lavoriamo e, di nuovo, nei nostri quindici giorni di vacanze (senza tenere conto però della prima settimana, indispensabile per il “recupero”).
Fatto questo, confrontiamo i risultati dei due periodi: l’ideale è che i due siano identici.

Insonnia: Ritardiamo il momento di coricarci
Per ricaricare il nostro orologio interno, ritardiamo gradualmente di un quarto d’ora al giorno, il momento in cui andare a dormire. Se ci siamo svegliate all’aurora, ma siamo in piena forma, alziamoci discretamente, facciamo la nostra toilette, vestiamoci, apriamo le serrande per beneficiare della luce del giorno che stimola la vigilanza e facciamo la vostra colazione.

Poi, approfittiamo magari dell’ora mattiniera per andare a camminare di buon passo, se possibile in un parco o comunque fuori dal centro abitato, dove possiamo assaporare lo spettacolo della natura che si sveglia.

Insonnia: Riso, rilassamento e yoga, degli eccellenti rimedi anti-insonnia
Alcuni ricercatori hanno studiato l’efficacia della terapia della risata per migliorare il sonno nelle persone di 65 anni e più. Conclusione: il gruppo esposto a quattro sessioni di risata, in un mese ha sofferto meno d’insonnia rispetto al gruppo senza “trattamento”.

Anche il rilassamento e lo Yoga danno spesso dei buoni risultati; informiamoci da un buon maestro di yoga, potremmo fare degli esercizi di rilassamento prima di coricarci che risulteranno utilissimi.
Se ci sentiamo depresse e stanche fin dal risveglio, senza energia, né voglia di fare qualunque cosa, consultiamo il nostro medico.

È importante, perché è da poco stato dimostrato che le persone che non riescono a normalizzare il loro sonno, tra due episodi depressivi, hanno davanti a loro dei rischi di ricaduta.

Il medico generico tenterà di trovare il trattamento che ci aiuterà al tempo stesso ad uscire della depressione e a ritrovare un sonno di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.