I 10 errori più comuni: Troppo fondotinta

I vari tipi di Fondotinta

Vari tipi di Fondotinta: come scegliere quello giusto per la propria pelle

Eccoci di nuovo qui per un altro appuntamento sull’argomento Fondotinta; dopo aver illustrato i passaggi utili a capire quale sia il nostro sottotono di pelle e quindi le colorazioni giuste per noi, vorrei analizzare i vari tipi di fondotinta, capire quali sono e per quali tipi di pelle sono indicati.
Anche in questo caso, il fine è quello di cercare di avere qualche consapevolezza in più prima di entrare in profumeria ed affrontare i consigli della commessa di turno.
Il fondotinta deve essere scelto con attenzione in quanto parte fondamentale nel nostro maquillage quotidiano, non solo perchè rende più bella e perfetta la nostra pelle, ma anche perchè, contrariamente a quanto si possa comunemente pensare, svolge una vera e propria funzione “curativa”.

La scelta del fondotinta


In inverno ad esempio, dovrebbe essere sempre utilizzato perchè, oltre a regalare maggiore comfort alla pelle, le offre un’ulteriore e fondamentale protezione sia dal freddo che dagli agenti inquinanti, questi ultimi fra le maggiori cause dell’invecchiamento, specialmente per chi si trova a vivere nelle grandi città.

Alla luce di questo, quando i nostri mariti o compagni o fidanzati criticano il nostro amore per il fondotinta e l’uso quotidiano che ne facciamo chiamandolo banalmente “impiastricciamento”, da oggi in poi possiamo sgranare gli occhi ed esclamare: “Ma cosa dici caro, io non mi sto impiastricciando, mi sto CURANDO!” 🙂

Come per il colore, è indispensabile capire quale può essere il fondotinta adatto alla nostra pelle in quel determinato momento, per non incorrere in acquisti sbagliati destinati a rimanere chiusi nel cassetto che io chiamo “Dimenticatoio”.
Detto anche “Poco prima del cestino…” 🙂
Questo perché un fondotinta sbagliato è importabile: può aumentare la disidratazione della pelle ed evidenziare maggiormente le rughe, nel caso di pelle secca o mista, aumentarne invece l’oleosità, nel caso di pelle grassa e così via.
E’ anche chiaro che il fondotinta deve necessariamente essere inoltre scelto in base alla stagione: l’esigenze nostre e della nostra pelle saranno ovviamente di un certo tipo nella stagione fredda e di un altro in primavera o in estate, quando il clima è gradevole o addirittura torrido.
Cerchiamo prima di tutto di capire quale tipo di copertura vogliamo, se bassa o alta… ricordandoci però che, per la pelle matura, la grande copertura può facilmente essere un’arma a doppio taglio, in quanto rischia di appesantire i tratti del viso, evidenziare le rughe e dare quindi un aspetto stanco ed invecchiato.
Altra considerazione è di che tipo di fondotinta ha davvero bisogno la nostra pelle: idratante, antiage, antilucido, antimacchia, confort assoluto ecc.

Le fondamentali e più comuni tipologie di pelle sono:
Normale: la pelle presenta un aspetto liscio e disteso
Secca: è un tipo di pelle sottile, predisposta alle screpolature.
La secchezza può essere causata dalla disidratazione (carente quindi d’acqua) o /e per la scarsa produzione di sebo dovuta, nel caso della pelle matura, alle alterazioni ormonali.
Grassa: è una pelle caratterizzata da un aspetto lucido, oleoso dovuto all’eccessiva produzione di sebo.
Mista: è la tipologia di pelle più comune: è grassa nella “ zona T “ ( fronte –naso -mento) e secca nel resto del viso.
Sensibile : è un tipo di pelle delicato e predisposto ad arrossamenti.

Prima di passare al fondotinta, ricordiamoci di applicare sempre il nostro trattamento giorno abituale, indispensabile per la cura della pelle e per una stesura ed una resa ottimali del fondotinta.
Vediamo adesso quali sono i diversi tipi di fondotinta e per quali tipologie di pelle sono indicati.

 

Fondotinta compatto

Esistono due tipi di fondotinta compatto: in crema e in polvere

Compatto in crema: idrata molto, è molto coprente e va bene per una pelle tendente al secco.
Questo tipo di fondotinta è consigliato per ottenere una base omogenea, setosa e coprente e si applica con la spugnetta apposita.
Data la sua consistenza cremosa, oltre ad essere molto idratante, garantisce una copertura maggiore rispetto a qualsiasi altro tipo di fondotinta ed è quindi più adatto in caso di evidenti discromie della pelle.
Lo possiamo trovare sotto forma di cialda, di vasetto o di stick ed ha solitamente una formulazione a base lipidica (grassa), quindi non particolarmente adatta in caso di pelle grassa o con eccesso di sebo.

Compatto in polvere: ha un effetto mat, contiene delle micro-spugne che assorbono continuamente il sebo in eccesso, responsabile della lucidità sul viso ed è quindi l’ideale per pelli miste e grasse.
Si usa con un maxi pennello a setole morbide oppure con la spugnetta asciutta per una base leggera, inumidita leggermente per un effetto più coprente.
Piace anche per la sua praticità e velocità di applicazione, ma essendo un prodotto in polvere, è sconsigliatissimo in caso di pelli secche, screpolate o mature in quanto andrebbe ad assorbire ulteriormente il sebo, inaridendo così l’epidermide; gli eccessi di prodotto andrebbero inoltre ad accumularsi nelle rughe, evidenziandole.

Fondotinta fluido

Givenchy Photoperfexion
Ha una texture molto leggera e la copertura può variare da bassa a buona ed è il più versatile tra i fondotinta in commercio in quanto, in base alla sua formulazione più o meno idratante, è adatto alle pelli sottili, sia secche che grasse, considerando anche quelle miste e normali.
Il fondotinta fluido punta ad un risultato naturale; è leggero sulla pelle e si sceglie in base all’azione che vogliamo (antietà, idratante o opacizzante)
Si applica con le mani, con una spugnetta in lattice oppure con l’apposito pennello da fondotinta in setole sintetiche… ciascuna scelga il proprio metodo.

Esistono due tipi di fondotinta fluido: Idratante antiage e Fluido mat

Fluido idratante antiage: indicato per una pelle secca e/o disidrata.
Contiene ingredienti che rafforzano le difese della pelle e danno un maggiore comfort.

Fluido mat: è formato da un “doppio corpo” composto da una parte oleosa e l’altra più compatta, per questo deve essere quindi agitato prima dell’uso. La parte oleosa è composta da un siero sebo-regolatore ed è consigliatissimo per la pelle grassa che quindi tende a diventare lucida nel corso delle ore, compromettendo di conseguenza anche la tenuta dell’intero trucco.
Il suo effetto opacizzante dura per ore, assicurando comunque comfort a lunga durata.

 

Fondotinta in mousse

Ha una consistenza molto leggera, si applica facilmente ed è consigliato soprattutto a chi ha una pelle grassa, e che quindi tende a diventare lucida nel corso delle ore, in quanto dona un aspetto opaco e asciutto.
La pelle grassa che presenta pori dilatati, deve però fare attenzione perché questo tipo di fondotinta può metterli in evidenza.

Fondotinta in crema

Indicato per chi ha la pelle spessa e che ha quindi bisogno di un prodotto più consistente del fluido. Un fondo fluido e leggero su una pelle spessa, infatti, risulta avere una durata piuttosto limitata; di contro una pelle sottile, non sopporterebbe un fondotinta dalla texture “corposa”.
Il fondotinta in crema lo si può trovare declinato in due tipologie, ciascuna rivolta ad un particolare tipo di pelle:

In barattolo: in questo caso è antiage e corposo ed è indicato per pelli secche

In tubetto: Dona un effetto mat, ed ha una base idratante, ma non rende assolutamente lucida la pelle. Generalmente garantisce un’elevata copertura ed è indicato per le pelli grasse.

Fondotinta minerale

Il fondotinta minerale è l’ultimo arrivato nella famiglia dei fondotinta.
Contiene sostanze tutte naturali come l’ossido di zinco ed essendo composto esclusivamente da polveri finissime, ha l’enorme vantaggio di non occludere i pori creando al contempo un effetto molto naturale.
Ha una copertura leggera, si applica con un pennello apposito, detto “kabuki“, a setole morbide e molto fitte che possono essere anche inumidite per una coprenza maggiore.
Non è però assolutamente indicato per pelli secche!
La scorsa estate ho avuto la malaugurata idea di dar retta ad una commessa di Sephora perchè, a suo dire, data la stagione era il fondotinta perfetto per me; vi garantisco che pur avendo scelto una delle marche di fondotinta minerale per eccellenza, la BareMinerals, il risultato è stato di rughe evidenziatissime!!!

Fondotinta solare

E’ un fondotinta ideato ed esclusivamente formulato per la stagione estiva, perché grazie al fatto di avere al suo interno una protezione solare ed essere resistente all’acqua può tranquillamente essere sfruttato persino in spiaggia.
Esiste sia in polvere che in cialda cremosa ed anche questo può essere usato con la spugnetta o con il pennello.
Personalmente non mi sono mai trovata bene con il fondotinta solare, pur avendone provati diversi, da Shiseido a Lancome a BioNike, perché la versione in crema per la mia pelle è troppo pesante, e quella in polvere la segna terribilmente… 🙁
E proprio il fondotinta solare della Bionike è quello che ho recensito in uno dei mie primi articoli sul blog.

Spero che anche questo articolo possa essere stato utile e che vi abbia regalato qualche spunto interessante, diradato qualche ombra e risolto qualche dubbio, in modo da entrare in profumeria con una maggiore consapevolezza, non solo di quello che vorremmo, ma anche di quello di cui la nostra pelle ha davvero bisogno.
Raccontatemi se avete avuto qualche esperienza negativa di prodotti sbagliati acquistati e poi, haimé, cestinati…
Personalmente io, purtroppo… TANTE! :-/

Adesso comunque che abbiamo visto i vari tipi di fondotinta, non ci resta che passare ad illustrarne l’applicazione… ma per questo vi dò appuntamento al mio prossimo articolo…

Vi aspetto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.