Creme smooth foundation

Creme smooth foundation, l’antietà di Laura Mercier

 Creme smooth foundation di Laura Mercier: un fondotinta impegnativo

Incuriosita dalle tante recensioni positive che circolano sul web riguardo ai prodotti di Laura Mercier, praticamente introvabili del resto, un po’ di mesi fa mi sono messa in testa di vedere da vicino qualcuno di questi prodotti tanto decantati.
La filosofia di Laura Mercier punta sull’impeccabilità della base e il suo motto è quello della “flawless face“, ovvero un viso senza difetti, luminoso e al tempo stesso naturale.
Da qui tutti i prodotti “flawless face“ (primer, fondotinta e cipria), con i quali il brand punta proprio a far ottenere ad ogni donna una pelle liscia ed uniforme.
Ovviamente questa filosofia tanto decantata, è per me irresistibile come il canto delle sirene lo fu per i marinai di Ulisse, specialmente nella parte riguardante i fondotinta.
Era appena iniziato l’inverno e l’idea di un fondotinta coprente, uniformante e naturale al tempo stesso, non poteva non fare leva sulla mia insaziabile (o forse sarebbe più corretto dire inguaribile…) voglia di perfezione; le mie attenzioni si sono subito rivolte verso il correttore, la cipria per il contorno occhi (di cui vi ho già parlato nell’articolo Laura Mercier: Sguardo luminoso) e i fondotinta Laura Mercier.
Leggendo sul sito mi ero già fatta una vaga idea di quali fondotinta Laura Mercier testare: il Creme smooth foundation ed il Silk crème foundation.
L’addetta allo stand mi ha subito sconsigliato il Silk Creme foundation, perché anche se viene descritto come un fondotinta idratante, in realtà nel corso delle ore tende ad asciugarsi ed il rischio era che potesse segnare la pelle.
L’alternativa era dunque il Creme smooth foundation, perché più cremoso, avvolgente ed idratante.
Il Creme smooth foundation viene descritto sul sito come un fondotinta di ultima generazione che grazie alla sua leggerezza “galleggia” sulla pelle senza andare a fermarsi nelle rughe e nelle linee sottili. La formula idratante contiene un complesso multipeptide infuso con Dermaxyl e diffusori ottici avanzati che aiutano a attenuare visibilmente le linee e rughe.
Il “Dermaxyl è un complesso formato dall’associazione tra la ceramide-2 (il cementante dello strato più esterno della pelle, quello che preserva l’integrità cutanea e la funzione di barriera) e un derivato peptidico, chiamato matrikine, formato dall’unione di 5 aminoacidi, che agisce come antiage, lisciante delle rughe, riparatore cutaneo. Dermaxyl stimola la comunicazione tra le cellule e favorisce la riparazione cellulare in caso di pelli mature e danneggiate; questo peptide agisce richiamando fibroblasti e monociti (alcune delle cellule implicate nei fisiologici processi di riparazione a livello della cute) nel sito di localizzazione del danno, indirizzando la rigenerazione cellulare in maniera selettiva e specifica.” (Tratto da Vebix Dermocosmetics

Creme smooth foundation

I presupposti perché il Creme smooth foundation fosse un ottimo fondotinta, converrete con me che c’erano tutti…
Ed in effetti sul sito del brand, a parte qualche giudizio dissonante, le recensioni erano decisamente entusiastiche… ed io, che avevo letto per giorni tutte le review, ero sicurissima che quello sarebbe stato un ottimo acquisto.
Non chiedetemi perché, ma quando mi fisso su di una cosa, è difficile farmi desistere.
E quel giorno mi ero fissata sull’acquisto di un fondotinta di Laura Mercier.
Trovare il colore giusto non è stata impresa semplice; la gamma di colori è piuttosto curiosa, o sono aranciati o sono scuri… la scelta è caduta sul Warm Ivory. 
Per quanto riguarda la stesura, la commessa mi ha suggerito di applicarlo solo ed esclusivamente con la spugnetta in lattice, “picchiettandolo” e non stendendolo.
Devo dire che sul momento l’effetto era piuttosto bello, così mi sono decisa, insieme a correttore e cipria, ho acquistato anche il Creme smooth foundation e con il mio sacchettino con prodotti Laura Mercier me ne sono tornata felicemente a casa.
Ma, quando sono andata ad utilizzarlo la prima volta, ecco che sono arrivate le note negative…
La confezione è in un barattolo di vetro, dotata di una palettina di plastica per prelevare il prodotto; non è il massimo della praticità, bisogna ammetterlo.

Il colore Warm Ivory non è solo piuttosto chiaro, il problema è che sembra anche decisamente… grigiastro e per niente luminoso, anche se dalla foto può sembrare il contrario; la texture è piuttosto corposa, densa e per questo l’applicazione non è delle più semplici, anche perché con l’applicazione “picchiettata” del Creme smooth foundation, si ha quasi l’impressione che il fondotinta scivoli sulla pelle e non riesca ad uniformare.
La logica conseguenza è che si rischia di abbondare di prodotto, formando un antiestetico strato sulla pelle.
Dopo un po’ di tempo ho abbandonato questa tecnica ed ho provato a stenderlo con la spugnetta, ma senza picchiettarlo… girellando su Youtube ho visto che qualcuna lo stendeva con il pennello da fondotinta… ho provato anche con quello.
Infine sono approdata all’applicazione con le mani…
In tutti i casi, acquisita un po’ di manualità, l’effetto finale è piuttosto buono, anche se non eccelso.

Creme smooth foundation
Sinceramente dalle recensioni entusiastiche e da una filosofia “flawless face” (zero difetti) come quella di Laura Mercier, dal Creme smooth foundation mi sarei aspettata qualcosa di più; l’aspetto non è così luminoso come viene decantato e la resa è, subito dopo l’applicazione abbastanza impeccabile, ma con il passare delle ore il viso risulta come appesantito e stanco.
Probabilmente la mia pelle è troppo sottile per indossare un fondotinta dalla texture così cremosa e così corposa, che sicuramente risulterà più indicata per pelli secche, ma spesse.
In ogni caso, nell’acquisto di Creme smooth foundation, oltre a valutare se la propria tipologia di pelle può rispondere meglio alle caratteristiche del fondo, bisogna considerare due aspetti che possono essere fondamentali: la scelta non facile dei colori e l’applicazione piuttosto complessa.
Insomma, decisamente un fondotinta “impegnativo”, il Creme smooth foundation, che magari non ho saputo apprezzare nel giusto modo, un po’ per mia incapacità e un po’ perché la mia pelle proprio non era fatta per lui… o lui per la mia pelle.
In ogni caso, le recensioni che si trovano in rete sono ottime, devo quindi pensare che se si possiede una pelle di un certo tipo, il Creme smooth foundation
può regalare davvero ottimi risultati anche per la sua formula antietà davvero interessante.
Quindi, se siete incuriosite da questo prodotto, se avete un certo tipo di pelle, andate pure a vederlo ma, prima di tutto valutate il colore alla luce del sole e poi fatevi insegnare bene come si stende sulla vostra pelle, non abbiate remore nel chiedere delucidazioni in merito.

Mi è comunque rimasta la curiosità di sapere, da qualcuna di voi che lo ha provato, qualche notizia in più: come si è trovata, se ha imparato a stenderlo nel giusto modo, se ha qualche trucco da suggerire…
Insomma, aspetto i vostri commenti…
Nel frattempo, anche perché ormai la stagione rende proibitivo indossarlo, ho riposto il Creme smooth foundation in un cassetto, tanto lo so che quando tornerà la stagione fredda riproverò ancora ad indossarlo, magari utilizzando qualche tecnica suggerita da voi. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.