Camminare per ritrovare la forma fisica

Camminare per ritrovare la forma fisica

Camminare ci aiuta a perdere peso, ritrovare tonicità e sorriso

Ritrovare la nostra forma fisica può essere molto più semplice di quanto pensiamo; il segreto è una dieta equilibrata e camminare almeno trenta minuti al giorno con passo sostenuto.
Quante volte ci siamo ripromesse di intraprendere un progetto di rimessa in forma, fatto di diete severe e di durissimi programmi in palestra.
Ma siccome certi propositi sono piuttosto complicati da portare avanti con regolarità, finisce che vengono poi miseramente abbandonati.
O almeno, a me succede sempre così…
In realtà, basta molto, molto meno…
Evitare le abbuffate di alimenti calorici (e quindi una gestione un pochino “accorta” della tavola), ed eliminare dal nostro vocabolario la parola “sedentarietà”, ci può aiutare seriamente a ritrovare la forma fisica perduta.
E la parola “sedentarietà” si cancella anche solo proponendosi di camminare almeno trenta minuti al giorno, con passo spedito e mantenendo una postura corretta.
Sicuramente non è la soluzione per ottenere risultati (in termini di chili persi) nell’immediato, ma la forma fisica che nel tempo così si ottiene, sarà per sempre!
E… non dimentichiamoci poi che… non costa nulla 🙂

Gli infiniti benefici del camminare
Sicuramente camminare almeno mezz’ora al giorno è il metodo che tutti i medici consigliano, non solo per la rimessa in forma, per ritrovare tonicità, combattere la cellulite e perdere quei chili in più, ma anche proprio per il benessere psico-fisico.
Naturalmente, affinchè si possano raggiungere dei risultati, occorre seguire con dedizione un programma preciso, che prevede una regolarizzazione del nostro tipo di alimentazione ed il prefissarsi una camminata di un tot di minuti al giorno.
Un’attività fisica dunque da praticare con costanza, ma che davvero può farci ottenere grandi risultati.

Il tempo migliore stimato è di 40 minuti, alternando piano e salita in modo da “sorprendere” i nostri muscoli e dare un’accelerata al metabolismo.
E’ obbligatorio camminare a ritmo sostenuto… quindi andare in centro e fermarsi a guardare le vetrine NON VALE! 🙂

Camminare per ritrovare la forma fisica


La schiena deve essere mantenuta dritta e rilassata ed i gomiti piegati, in modo da evitare fastidiosi formicolii alle dita delle mani.
Ogni momento può essere quello giusto, e ciascuno di noi può scegliersi quello migliore: al mattino presto, nell’ora di pranzo oppure alla sera, al ritorno dal lavoro.
Se durante la settimana dobbiamo accontentarci di percorsi cittadini, nel week end potremmo magari dedicarci al trekking… in compagnìa o da sole… nel verde, che sia prato, lago, fiume, mare o montagna; ci aiuterà non solo a ritrovare la forma, ma anche serenità e benessere psico-fisico.

Camminare ci garantisce una perfetta tonificazione dei glutei e delle cosce, ma non solo! Anche le braccia ne trarranno giovamento perché, dondolando, si snellisco ed assumono una forma affusolata.
Ricordiamoci anche di mantenere un buon ritmo respiratorio, tanto utile al buon funzionamento del nostro organismo e della nostra mente.
Camminare dunque è un’ottima soluzione per mantenere il fisico in movimento, anche per coloro che, per motivi vari, non possono affrontare sport più “d’impatto” come ad esempio la corsa…
Sovrappeso o problemi legati alla schiena, possono infatti rendere impraticabile quest’ultima, ma possono al contrario trovare nella camminata un’ottima alternativa.
E per noi tutte, che abbiamo superato gli “anta”, camminare rappresenta un gran bel modo di apprezzare nuovamente il piacere di un fisico attivo e reattivo.
E, sempre per noi “ragazze ‘anta”, ancora buone notizie…
Un’efficace strategia contro l’osteoporosi, che purtroppo colpisce noi donne in una certa fascia d’età, prevede, non solo una dieta che apporti una giusta quantità di calcio alle nostre ossa, ma anche movimento praticato in modo costante e giornaliero.
Sembra infatti che il camminare per almeno 30-40 minuti al giorno, sia determinante per la prevenzione dell’osteoporosi anche perché, camminando all’aria aperta, sfruttiamo pienamente la luce solare che è determinante per “fissare” la vitamina D nelle ossa.

Inoltre non dimentichiamoci che, specialmente nel periodo che stiamo vivendo, capitano spesso momenti “no”, accompagnati da tristezza più o meno profonda, malinconia incolmabile, lacrime che spesso affiorano senza un vero perché.
Questi stati d’animo altalenanti che spesso ci spingono ad una ricerca dell’”isolamento”, magari a persiane chiuse, lontane dal mondo e dalla gente.

Camminare all’aria aperta, schiena dritta e sguardo alto… prefiggersi dei piccoli obbiettivi quotidiani da raggiungere in fatto di km o di durata della camminata, sono sicuramente un toccasana per migliorare il nostro umore, per diminuire il nostro livello di stress e per cancellare la malinconia e ritrovare il gusto di sentirsi “vive”.
Non dimentichiamo dunque che l’attività fisica è un toccasana non solo per il nostro corpo, ma anche per la nostra mente e per il nostro cuore, arrivando persino a migliorare la vita sessuale di tutte quelle che, fra di noi, soffrono di quel male oscuro che si chiama “depressione”…

Camminare… a testa e cuore alti… non costa niente e ci renderà non solo più belle, ma anche molto più felici! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.