7 consigli per avere dei bei capelli anche dopo i 50 anni

7 semplici accortezze, per avere dei bei capelli anche dopo i 50 anni

Dopo la menopausa, i capelli diventano più sottili, più asciutti e più difficili da pettinare. Ecco 7 regole da seguire per mantenerli sani e belli.

 

Prendiamoci cura dei nostri capelli

Spesso tendiamo a ignorare i capelli, mentre invece, così come la nostra pelle, hanno bisogno di tanta attenzione, e richiedono cure speciali.
Applicheremmo una crema qualunque sul nostro viso? Non credo… Dunque, la stessa cosa deve essere per lo shampoo da utilizzare. Scegliamo shampoo adatti per il nostro cuoio capelluto (lo shampoo si applica solo a questo livello e non sulle lunghezze) e le maschere, a seconda della natura dei nostri capelli (da applicare sulle lunghezze). Ad esempio, se il nostro cuoio capelluto è oleoso, abbiamo bisogno di uno shampoo ad azione trattante, anche se i nostri capelli sono secchi.

 

Coccoliamo il cuoio capelluto

Perché i nostri capelli siano belli, è quindi indispensabile trattare il cuoio capelluto. Questo può tendere ad essere secco e produrre meno sebo con il passare del tempo. Abbiamo avuto sempre capelli secchi e crespi? Ebbene, potrebbero diventare ancora più secchi. Al contrario, un cuoio capelluto grasso può diventare ancora più grasso. Dobbiamo considerare il bulbo dei capelli un po’ come una pianta, e quindi trattare la sua radice. Se il trattamento del cuoio capelluto è scorretto, i capelli si affineranno o produrranno forfora. Dobbiamo inoltre prestare attenzione ad evitare lavaggi troppo frequenti (due o tre volte alla settimana è sufficiente) perché a forza di stimolare la ghiandola sebacea, il cuoio capelluto può produrre più sebo, soffocare il bulbo e può persino compromettere la crescita dei capelli.

 

Shampoo alternativi

Una volta alla settimana, utilizziamo uno shampoo trattante, adeguato ai problemi specifici del nostro cuoio capelluto, quindi alternare con un lavaggio neutro. Questo “alternanza” di varie tipologie di shampoo può avere un’azione “più cosmetica” e agire ad esempio sulla luminosità o sul volume. In caso di cute molto secca, invece, laviamo i capelli solo una volta alla settimana e lasciamo agire lo shampoo per circa due minuti. Per quanto riguarda la maschera, questa va applicata sulle lunghezze. Dopo averla lasciata riposare, sciacquiamo accuratamente, fino a quando non si avverte che i capelli “scricchiolano” sotto le dita.

Spazzolatura profonda

Potrebbe un consiglio semplice o banale, ma non dimentichiamo di spazzolare i capelli, soprattutto prima di un trattamento, possibilmente con una spazzola in setole naturali. Questo permette di rimuove la polvere, residui di capelli e capelli morti; i nostri capelli saranno maggiormente in grado di ricevere i benefici dei prodotti curativi che andremo ad applicare.

 

Pratichiamo l’automassaggio

Appoggiamo i gomiti su di un tavolo e prendiamo la testa tra le mani. Facciamo dei movimenti circolari con la punta delle dita sulla parte superiore del cranio, per stimolare la circolazione sanguigna, rilassare il cuoio capelluto, aumentare l’efficacia delle cure e… regalarci un gran piacere!

 

Mangiamo equilibrato

Le proteine animali (pollame, pesce) contengono aminoacidi che stimolano la sintesi della cheratina, sostanza di cui i nostri capelli sono principalmente composti. Non esitiamo inoltre a consumare zinco (lenticchie, noci, nocciole, pesce …), vitamina B (pane, riso integrale, frutta e verdura …) o ferro.

 

Usiamo degli integratori

L’utilizzo di integratori, è un piccolo extra che non guasta: aumenta la crescita dei capelli ed aiuta a frenare la caduta. Pur continuando con i nostri prodotti di cura, possiamo utilizzare integratori alimentari. Ci sono integratori dietetici per “unghie e capelli”, ma se vogliamo trattare un problema particolare, è meglio fare una scelta più mirata. Per avere dei bei capelli lucenti, optiamo per il lievito di birra, ma se vogliamo evitare una piccola caduta di capelli, avremo bisogno di integratori a base di aminoacidi solforati.
Attenzione però! Se notiamo una perdita troppo importante (legata ad esempio a una causa ormonale), è meglio consultare uno specialista, in quanto gli integratori non avranno alcun effetto.
Il momento ideale? Durante i cambiamenti stagionali, in particolar modo in autunno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.